Follow by Email

venerdì 6 luglio 2012

I PROFESSORONI HANNO DECISO. SI CHIUDE GAETA, MA ANCHE CASSINO!




DOPO molte battaglie,
documenti, prese di posizione, appello di avvocati
e magistrati sulla necessità di tenere aperto un presidio della giustizia al sud
della provincia, dove più
alto è il tasso di illegalità,
arriva il via libera definitivo alla soppressione della sezione distaccata del
Tribunale di Latina a Gaeta. Per ternerlo aperto
l’associazione degli avvocati ha mobilitato buona
parte della politica provinciale e il Foro ma l’esi -
genza di risparmiare è stata più forte. L’ufficio di
Gaeta, infatti, è stato inserito nell’elenco delle 220
sezioni distaccate che dovrebbero essere cancellate per effetto della legge
delega varata quando ancora non era insediato il
Governo Monti. Dunque
una scelta «datata» e forse
inevitabile. Pensare che
per tenere in piedi la sezione distaccata di Gaeta
è stato costruito un nuovo
edificio dedicato agli uffici giudiziari e costato non
solo molti soldi pubblici
ma anche molti anni di
lavoro, con blocchi ripetuti a causa della carenza
di fondi. Da pochi anni il
Tribunale di Gaeta è in
funzione nel palazzo di
Calegna e aveva rappresentato una svolta per i
t e m p i   p r o c e s s u a l i .
Sull’elenco delle sedi da
chiudere però non c’è accordo politico e ancora
ieri i parlamentari delle
singole zone interessate,
compresi quelli di Latina
h   a   n n   o
cercato di
p er or ar e
la causa
della sop   r a v v   ivenza. Per
quanto riguarda i
c a r i c h i
pendenti è
stato dimo st ra to
che Gaeta
conta una
mole di
procedimenti ben più alta
di piccolissimi Tribunali
che si salvano grazie ad
un accordo politico avallato dal Ministero che
prevede di tenere aperti
almeno tre Tribunali per
ciascuna Corte d’Appel -
lo. In questo modo se un
Tribunale con minore carico di Gaeta rientra nella
formula del «tre» può comunque restare aperto. A
pagare il pegno dei tagli è
anche il Tribunale di Cassino, inserito nell’elenco
delle 33 sedi che il Ministero della Giustizia intende sopprimere per cercare di risparmiare sui costi di servizio e del
personale.

Nessun commento:

Posta un commento