Follow by Email

giovedì 26 luglio 2012

FORMIA: FESTIVAL DELLA MONTAGNA





Un festival realizzato dalla XVII Comunità Montana dei Monti Aurunci con il sostegno degli Assessorati regionali alle Politiche Sociali e Famiglia e all'Ambiente e Sviluppo Sostenibile, della Provincia di Latina, dei Comuni di Formia e Gaeta e con il coordinamento artistico di Ambrogio Sparagna e dell'Orchestra Popolare Italiana dellAuditorium Parco della Musica di Roma.
Concerti in altura, letture di poesie, cunti e racconti, planetario e osservatorio astronomico, trekking musicali, percorsi di pellegrinaggi, cibi e rituali tradizionali, grande fiera-mercato.
Se si cammina sulle cime alte dei monti Aurunci si ha l'impressione di toccare il mare che costeggia lo splendido Golfo di Gaeta. Lo scenario è straordinario, da mozzafiato. 



In questi luoghi intrisi di storia, già a partire dall'età classica, le popolazioni locali hanno vissuto per secoli di pastorizia e di misticismo creando nelle tante grotte calcaree are votive e culti devozionali. In queste terre brulle furono innalzati da monaci basiliani dei piccoli cenobi e successivamente, come testimoniato nei documenti del Codex Diplomaticus Cajetanus, redatto a Monte Cassino nel nono secolo, si sviluppò in una delle grotte più grandi il culto di San Michele che ancora oggi attira migliaia di pellegrini sul monte Aitino. La tradizione locale racconta che queste grotte furono abitate da santi pellegrini ed eremiti che cercavano nello spirito dei luoghi i segni della propria ricerca spirituale. In particolare alcune narrazioni popolari fanno riferimento ad un giovane fiorentino proveniente da San Germano, l'odierna Cassino, e diretto a Gaeta. Quel giovane segnato dal fuoco del rinnovamento religioso predicato dal Savonarola fu probabilmente Filippo Neri il quale scelse la grotta di San Michele come proprio letto di pietra. Era questo il suo tentativo di "col pie calcar le stelle", così come recita uno dei pochi sonetti a lui attribuiti, e così come fece a Gaeta intorno al 1534 in un'altra montagna a picco sul mare, la Montagna Spaccata.
Legandosi a questa antica e affascinante ricerca del "calcar le stelle", nasce il progetto La Montagna Armonica. Un festival musicale e di cultura tradizionale che si svolge tra le rocce a strapiombo sul mare della Grotta del Turco, nell'area naturalistica del Parco di Monte Orlando di Gaeta e tra gli altipiani e le grotte sacre del Monte Aitino di Maranola di Formia.
Concerti in altura, letture di poemi e poesie tra le rocce, cunti e racconti di Santi e Briganti, visioni di stelle, trekking musicali, percorsi di pellegrinaggi, passeggiate con asini, cavalli e voli di poiane, cibi naturali con degustazioni di prodotti tipici della pastorizia del territorio aurunco e tanto altro ancora.
Tanta attenzione, infine, alle tematiche della solidarietà e dei servizi sociali, seguendo così interamente le orme di san Filippo Neri e gli echi dei suoi canti per un Festival originale ed unico nel suo genere.

COL PIE' CALCAR LE STELLE. Oratorio per San Filippo Neri
Il programma ricco di eventi ha inizio il 9 di agosto a Gaeta all'interno del complesso del Santuario della Montagna Spaccata. Alle 19 e alle 20 il poeta Davide Rondoni proporrà nella Grotta del Turco letture di poesie legate a temi marinareschi intervallate dal supporto sonoro realizzato dai solisti dell'Orchestra Popolare Italiana con suoni di strumenti naturali (conchiglie, corni, flauti di corteccia, fruste di canna, vasi di terracotta, etc ].
Alle 21.30 all'interno della Chiesa del Santuario della Montagna Spaccata l'Orchestra Popolare Italiana con la partecipazione del Coro Amarcanto propone in prima esecuzione assoluta l'opera musicale Col pie calcar le stelle, un oratorio musicale scritto da Ambrogio Sparagna e ispirato a San Filippo Neri. L'opera si compone di alcune parti tipiche della liturgia penitenziali {Requiem e De Profundis), da canti sacri e popolari dedicati a Maria {Magnificat, Ave Maria, Salve Regina) e dall'unico sonetto originale che la tradizione attribuisce a San Filippo, essendosi col tempo perdute le testimonianze scritte delle sue opere. Il Santo, come descritto nella sua Vita, in età giovanile si dilettò nella Poesia, sia latina che volgare, cioè italiana. Nella poesia volgare aveva tanta facilità che componeva "all'improvviso" così come ancora oggi è in uso fra i cantori popolari in Ottava rima. Secondo alcune testimonianze fu lo stesso Filippo a distruggere i suoi scritti perché considerati un segno di "vanità" terrena tanto che prima della sua morte li fece bruciare tutti. Nonostante tutto, per un caso fortuito, un sonetto, composto in gioventù, si è salvato ed è giunto fino a noi. San Filippo nel sonetto, scritto nel volgare del suo tempo, ci parla dell'Anima, che è stata creata da Dio, immortale, bella, libera e che a Lui deve ritornare e in Lui deve continuare a vivere in eterno in cielo, "per calcare le stelle", dopo la nostra fugace esperienza di vita terrena. L'uomo non può vivere in eterno in Dio, non può godere della sua Presenza, del suo Amore e della sua Comunione se non muore a se stesso, alla sua vita terrena e alle sue effimere gioie.
L'opera, che viene presentata in prima esecuzione, si divide in due diversi tempi. Supramah. Ave, Maris stella, Oratorio primo che si svolge nella Chiesa del Santuario della Montagna Spaccata, ha una parte specifica dedicata ai canti mariani popolari di varie regioni italiane. Col pie calcar le stelle, Supramonte. Suscipe, Domine, Oratorio secondo che si svolge all'alba dell'll agosto nell'area antistante la grotta della Chiesa di San Michele Arcangelo sul Monte Aitino e avrà come parte specifica il repertorio di canti popolari dedicato ai santi taumaturghi, in particolare a San Michele Arcangelo, San Paolo, San Gennaro (una piccola mostra dedicata al Santo sarà allestita nei due luoghi dei concerti).
LA NOTTE DELLA BALLARELLA
A partire dalla mattinata del 10 agosto, il Festival si sposta interamente a Maranola di Formia sui Monti Aurunci, in particolare nella località di Pornito, dove in un ampio altopiano di circa un ettaro denominato Fossa di Massaraccio, una straordinaria terrazza sul Golfo di Gaeta, verrà allestito una grande Area del Pellegrino con tutti i servizi necessari allo svolgimento delle tante iniziative in programma.
A partire dal pomeriggio nell'area avranno luogo una serie di iniziative, fra cui alcune dedicate ai temi della solidarietà sociale, laboratori musicali e degustazioni di prodotti tipici pastorali che culmineranno alle 20,30 con un grande concerto dedicato alla Ballarella, la tipica danza popolare del Lazio Meridionale, un originale incrocio tra saltarello e tarantella, con l'Orchestra Popolare Italiana dell'Auditorium Parco della Musica di Roma diretta da Ambrogio Sparagna. Ospite speciale della Notte della Ballarella Peppe Servillo.
Alle 24, in coincidenza con La Notte di San Lorenzo, sarà attivo in quest'area un Planetario e Osservatorio Astronomico curato dall'Associazione Astrofili Aurunci.

Nelle ore notturne, sui pianori del Monte Lapillo, Giuliana De Donno, una delle migliori arpiste italiane, proporrà un concerto dedicato al repertorio deWarpicelle popolari, lo strumento tipico dei suonatori girovaghi dell'Appennino meridionale e in particolare dell'area lucana della Val d'Agri.
A seguire, nello spazio del Rifugio Pornito, altri suggestivi eventi di musica e racconti ci accompagneranno fino all'alba dell'I 1. La prima parte prevede un concerto di Raffaello Simeoni, una delle più belle voci della musica popolare italiana, dedicato ai Canti dei Pellegrini sulla Via Francigena dell'area della Sabina con un'attenzione speciali ai repertori ispirati alla tradizione francescana. In seguito Gianni Aversano proporrà un concerto di cunti e canti dedicato alle Storie di Santi e Briganti che hanno attraversato il territorio dell'antico Regno di Napoli.
Allo spuntare delle prime luci dell'alba si consumerà la colazione del Pellegrino, il Tè delle Stelle, con l'accompagnamento strumentale del gruppo degli Zampognari di Maranola.
LA VIA DEL SACRO VERSO LA GROTTA DELL'ARCANGELO
Alle 06, su un percorso ripido ma di grande suggestione, a strapiombo sul Golfo di Gaeta, partirà il trekking musicale. Due ore circa di cammino, attraverso l'antico cammino del pellegrinaggio di San Michele, condurranno i partecipanti dall'area della Ravolatra fino alla Chiesa di San Michele Arcangelo, sotto il Monte Aitino a ca. 1220 di altezza. Davide Rondoni, alternandosi con i suoni arcaici e pastorali del gruppo degli Zampognari di Maranola, proporrà una serie di letture poetiche dedicate alle tematiche del cammino e del pellegrinaggio.
Al termine del trekking, nell'area adiacente la Chiesa di San Michele sarà rappresentata la seconda parte dell'Oratorio dedicato a San Filippo Neri Col pie calcar le stelle. Supramonte. Suscipe, Domine. Situata all'interno di una grande volta calcarea, la Grotta dell'Arcangelo, già dall'ottavo secolo luogo di eremo e di culto, ha visto i pellegrini realizzare altari e incavi per la raccolta dell'acqua di una fonte considerata miracolosa. A conclusione verrà offerta ai partecipanti il Pane di San Michele, delle piccole pagnotte di grano integrale realizzato dai fornai locali secondo l'antiche usanze delle feste tradizionali.
Nel pomeriggio dell'll l'area della Fossa di Massaraccio sarà animata da una serie di iniziative. In particolare si succederanno degli eventi dedicati alle tradizioni dei camminamenti degli antichi pellegrinaggi, con passeggiate con asini, osservazione del volo dei rapaci e degustazioni di cibi tradizionali.
L'ECO DEGLI AURUNCI
Alle 21,30 nello spazio dei concerti sarà proposto lo spettacolo l'Eco degli Aurunci con alcuni
gruppi di musica tradizionale provenienti da molti comuni del comprensorio. In particolare il
programma vedrà l'esibizione dei Malerva, del Canzoniere dell'Appia e degli Organetti di
Maranola.
/ CAMMINI DEI PELLEGRINI
La giornata del 12 Agosto chiude il Festival e sarà dedicata a seminari ed incontri culturali che avranno luogo nell'Area del Pellegrino sul tema dei Cammini dei Pellegrini. Parallelamente saranno allestite una serie di escursioni sui Monti Aurunci con passeggiate a piedi, a cavallo, in mountain bike, attraversando sentieri che raggiungono le vette degli Aurunci {Monte Aitino m.1367, Monte S. Angelo m.1402, Monte Redentore m. 1252 e Monte Petrella m.1533). Sono previste anche delle escursioni guidate all'interno di alcune grotte calcaree situate nelle aree limitrofe e in particolare nella Grotta della Ciauchella, la prima cavità esplorata degli Aurunci (1967) che si apre sulle pendici orientali di Monte Ruazzo m. 1314, a poca distanza dal rifugio e dalla sorgente di Acquaviva.

Nessun commento:

Posta un commento