Follow by Email

venerdì 23 novembre 2012

LA SOGIN ANNUNCIA PER IL 20 DICEMBRE IL BANDO PER LO SMATELLAMENTO DELLA CENTRALE NUCLEARE: CHISSA' SE TRA I 360 MILIONI DI INVESTIMENTI ANNUNCIATI CI SARA' ANCHE IL COSTO DI UNA POLIZZA ASSICURATIVA PER LE POPOLAZIONI?






IL 20 dicembre si svolgerà
il bando di di gara per lo
smantellamento dell’isola
nucleare del Garigliano. La
notizia è stata resa ufficiale
d al l ’amministratore delegato di Sogin, Giuseppe
Nucci, in occasione della
presentazione dei risultati
economici 2011, l’anda -
mento del 2012 e il programma delle
prossime attività di bonifica dei siti nucleari laziali e
campani.
Nel 2012, si
c   o n   f   e   r m   a
l’accelerazio -
ne delle attività di smantellamento e
l’andamento gestionale
consente di prevedere una
chiusura dell’e se rc iz io
2012 con un volume di
attività di smantellamento
pari a oltre 60 milioni di
euro, in crescita del 10%
rispetto al 2011, dei quali
29,3 previsti nelle centrali
di Latina e
Garigliano e
negli impianti di Casaccia, con un
in cre men to
di oltre il
22% rispetto
ai valori previsionali del
piano industriale 2011-
2015.
Per terminare le attività di
bonifica dei siti nucleari e
per la realizzazione del
Parco Tecnologico e Deposito Nazionale dei rifiuti
radioattivi, il valore delle
attività è di 6,5 miliardi di
euro.
Entro il 20 dicembre, pubblicato il bando di gara per
l o   s m a n t e l l a m e n t o
dell ’isola nucleare della
centrale di Garigliano.
Complessivamente, il valore della bonifica del siti
campano è di 360 milioni
di euro. Nei prossimi quattro anni, Sogin realizzerà
nei siti nucleari italiani lavori di bonifica per 508
milioni di euro, dei quali
178 milioni per gli impianti di Latina, Garigliano e
Casaccia. In particolare per
la centrale del Garigliano
dopo l’approvazione del
decreto di disattivazione,
verrà emesso entro il 20
dicembre il bando per lo
smantellamento dell’isola
nucleare; verrà completata
la realizzazione dell’im -
pianto per il trattamento
dei rifiuti liquidi radioattivi, denominato Radwaste;
si procederà alla scarifica e
demolizione del camino e,
a valle della realizzazione
del nuovo sistema di approvvigionamento idrico,
del serbatoio in quota. Sarà
realizzato il nuovo impianto elettrico e sono in corso
le prove per l’ottenimento
della licenza d’esercizio
per l’adeguamento a deposito temporaneo dell’edifi -
cio ex-diesel e le attività
per il ripristino del rivestimento protettivo dell’edifi –
cio reattore.

Nessun commento:

Posta un commento