Follow by Email

venerdì 30 novembre 2012

CAPOLINEA DEI BUS A FORMIA: INIZIANO LE PROTESTE! MA LE NOSTRE AMMINISTRAZIONI HANNO ALTRO CUI PENSARE, E FANNO FINTA DI NIENTE!!!(TANTO NON è UN PROBLEMA CHE LI TOCCA SINGOLARMENTE)






L'ITALIA dei valori di
Gaeta ha chiesto le dimissioni dell'assessore ai
trasporti Antonio Di
Biagio. La richiesta di
fare un passo indietro
arriva nell'ambito della
vicenda della delocalizzazione del capolinea degli autobus alla
stazione ferroviaria di
Formia e sulla quale
l'esponente di giunta
gaetana aveva rassicurato i pendolari gaetani
dopo un incontro col
sindaco di Formia Michele
Forte. Rassicurazioni che
arrivarono ai pendolari in
merito al fatto che, come
promesso dall'amministrazione formiana, il capolinea dei soli autobus da e per
Gaeta sarebbe a breve stato
spostato.
«L'Italia Dei Valori di Gaeta, interpretando il disagio
dei cittadini - affermano in
una nota -, esprime tutto il
suo dissenso sulla linea
portata avanti dall'amministrazione sul problema della fermata dell'autobus
presso la stazione di Formia, nei confronti del quale
sono stati fatti solo annunci
a mezzo stampa, allo stato
attuale tutti rivelatisi propaganda. I cittadini di Gaeta si
sentono presi in giro e stanchi delle promesse dell'amministrazione pertanto
chiediamo le dimissioni dell'assessore ai trasporti Antonio Di Biagio. Siamo giunti ormai a fine novembre e
nel piazzale della stazione di Formia ancora
non si è visto passare
un autobus, per la rabbia dei pendolari, esasperati dagli enormi
disagi acuiti anche
dall’avvento delle
piogge autunnali. I
pendolari di Gaeta erano
stati rassicurati dalle incaute promesse dell’assessore
Di Biagio che, nella nota
pubblicata l'1 novembre
scorso dichiarava testualmente: 'Entro due settimane ritornerà usufruibile
piazza IV novembre e gli
autobus provenienti da
Gaeta potranno raggiungere direttamente la stazione
ferroviaria di Formia». Ma
proprio ieri è giunta la dichiarazione dell’a ssess ore
che ha precisato: «Sono finiti i disagi anche per i
pendolari gaetani della Linea Cotral, conclusi infatti i
lavori in Piazza IV Novembre a Formia, dal 30 novembre p.v. le autolinee da
Gaeta raggiungeranno direttamente la stazione ferroviaria. Avevamo promesso il nostro interessamento
istituzionale verso la questione, e così è stato. Ci
siamo incontrati con l’am -
ministrazione comunale di
Formia per sollecitare la
positiva soluzione della situazione e porre fine alle
difficoltà vissute da tanti
cittadini di Gaeta che, per
vari motivi, di lavoro, studio e altro, si spostano ogni
giorno con il treno. Garantire loro adeguati collegamenti pubblici con la stazione formiana significa
raggiungere un duplice obbiettivo: assicurare ai pendolari la necessaria tranquillità nella mobilità e a
tutti una migliore viabilità».


l'intervento ironico di DELIO FANTASIA.

In realtà le dimissioni da assessore ai Trasporti e Viabilità del Comune di Formia furono annunciate il 29 ottobre scorso, in un comunicato stampa inviato a Telefree. In quell'occasione Pasquale Cupo, assessore, disse perentoriamente che "(...) Mai, e ripeto mai, è stata disposta l'abolizione della fermata dei Bus Cotral e/o di qualunque altra linea dal piazzale della stazione ! Chi vi ha detto che il progetto esecutivo prevedeva la completa pedonalizzazione dell ' area vi ha volutamente preso in giro ; chi vi ha detto che non era più possibile salire con le auto sulla stazione vi ha volutamente preso in giro ; chi vi ha detto che non ci sarebbero più stati spazi per la fermata delle auto vi ha mentito per speculare sui disagi che inevitabilmente i lavori pubblici comportano per tutti (...). 

Non esitò neanche a polemizzare con il Movimento 5 Stelle che nel frattempo aveva concluso una raccolta di firme dei cittadini per chiedere il ripristino delle fermate degli autobus al piazzale della stazione dei treni di Formia: "Posso comprendere che i movimenti delle sette frecce, dei quattro angoli, o il partito dei venti voti abbia bisogno di strumentalizzare il vostro disagio per elemosinare alle oramai prossime elezioni qualche voto in più, ma non posso più accettare che si inventino bugie, si raccontino favole meschine per creare uno squallido allarme nelle categorie più disagiate, che già stanno soffrendo il disagio che i lavori inevitabilmente comportano." 

Poi, nella fase dei commenti, tenne a puntualizzare che "(...) i Bus che arriveranno a Formia da qualunque parte del mondo, fosse anche dalla Cina, prima di andare al piazzale Amerigo Vespucci passeranno e fermeranno alla stazione ; tutti coloro che devono andare da Formia a qualunque parte del mondo potranno comodamente attendere il bus alla stazione ferroviaria, dove arriverà dopo essere partito dal capolinea Vespucci." 

Infine, proprio per rimarcare e la giustezza delle proprie argomentazioni, sancì definitivamente che "(...) Per andare a Gaeta o in qualunque altro luogo del comprensorio il pullman lo prenderà lì dove lo ha sempre preso sino ad oggi, ovvero al piazzale della stazione (...)" e che "i bus che fermeranno alla stazione andranno direttamente nelle rispettive destinazioni senza alcun ulteriore transito per largo Vespucci, non si preoccupi che i tempi resteranno invariati." 

Era talmente convinto di quello che diceva che annunciò solennemente che "(...) Se quello che Vi ho riportato in questo comunicato non fosse la realtà, se ultimati i lavori i Bus non dovessero transitare sulla piazzale della stazione non esiterò un attimo ad affiancarmi a Voi per la immediata riattivazione della fermata Bus". 


Ieri, intanto, sono usciti i percorsi ufficiali degli autobus e si è scoperto che l'assessore ha raccontato una grossa palla, tipica degli spocchiosi incompetenti e ignoranti: 

Si attendono quindi per domani mattina le dimissioni dell'assessore ai Trasporti e Viabilità del Comune di Formia, Cupo Pasquale, e le pubbliche scuse al Movimento 5 Stelle di Formia. Siamo sicuri che non tarderanno. 

Delio Fantasia 

Nessun commento:

Posta un commento