Follow by Email

venerdì 2 novembre 2012

BY BY LITTORIA: IL PRESIDENTE CUSANI, DA COMMISSARIO, SI APPRESTA A RESISTERE E A SPERARE IN UN PARLAMENTO FUTURO PIù BENEVOLO!






CONOSCENDOLO, Armando Cusani non si arrenderà tanto facilmente. Per lui il taglio
delle Province, così come orchestrato dal Governo Monti, è
inaccettabile. «Non tollero - ha
commentato il presidente della
prese di posizioni a salvaguardia di un egocentrismo cieco
innanzi alle esigenze dei territori e della gente, dei rappresentanti del popolo, dei loro
mandati, della storia e della
dignità di chi ha operato responsabilmente». Parole che
mostrano come la battaglia per
frenare questa scelta dell’ese -
cutivo sia appena iniziata.
Ma il Governo sembra abbia
previsto questa contrarietà o
ritrosia ad adeguarsi alle nuove
norme da parte di alcuni territori. E ha studiato le contromisure. Infatti, nel testo della nuova legge non è scomparsa la
figura dei commissari, che saranno previsti nel caso in cui,
appunto, ci siano ostruzioni al
percorso «irreversibile» (copyright del ministro Patroni
Griffi) del taglio delle province. Probabile che nel concetto
di ostruzioni siano ricompresi
anche i ricorsi al Tar già avviati
dal l’amministrazione provinciale di Latina. Ecco perché
Cusani rischia il commissariamento.
Il presidente comunque non demorde e afferma: «Serve una
nuova fase istituzionale che rafforzi identità
ed unità, consolidandone i
punti di forza
anche attraverso la distribuzione dei poteri in una nuova
articolazione territoriale ed
istituzionale in modo da rendere più efficiente ed efficace l'azione amministrativa dei livelli
istituzionali e sostenere al meglio i processi di rientro da una
crisi che si paventa all'orizzonte inarrestabile. Il Ministro ha
svolto i "compiti a casa", cancellando le Giunte, fissando
termini di scadenza come
fossimo prodotti deper   i b   i l ancora una volta abdicando al
delicato ruolo affidatogli: servire il Paese». Parole forti, che
lasciano presagire tempesta. A
dare manforte a Cusani ci sono
tutti e quattro gli altri presidenti
delle province del Lazio. Già la
prossima settimana potrebbe
esserci un vertice tra i presidenti per capire se esistono le possibilità di impugnare il provvedimento del Governo, in attesa,
come dice Cusani «che i cittadini si pronuncino mandando a
casa i tecnici ed eleggendo un
Parlamento formato da rappresentanti delle esigenze dei territori». La lista civica per le
elezioni regionali, intanto, resta una concreta possibilità per
dare voce alla protesta e alle
proposte alternative dei presidenti delle province accorpate.
DA LATINA OGGI DEL 2.11.12

L'INTERVENTO DEL PRESIDENTE CUSANI:

“Irreversibile” e’ solo il termine del mandato del ministro padroni griffi allorquando la parola tornerà, come è giusto che sia, al corpo elettorale e ad un Parlamento nuovamente rappresentativo di quelle istanze localiste avversate dal Ministro. Nessuna riottosità ad un processo necessario, purchè frutto di un percorso rispettoso delle regole che il Paese democratico si è dato, che non tollera prese di posizioni a salvaguardia di un egocentrismo cieco innanzi alle esigenze dei territori e della gente, dei rappresentanti del popolo, dei loro mandati, della storia e della dignità di chi ha operato responsabilmente. 



Non è questa la riforma istituzionale di cui il Paese ha bisogno: questo è solo l’ennesimo succedaneo, inadeguato e capace di produrre solo ulteriore inefficienza e fonti di spreco. Le nuove circoscrizioni che nasceranno dalle ceneri dell’accorpamento avranno dimensioni ingestibili da parte di una governance lontana dalla gente: nel Lazio genererà una maxi provincia da 1.053.859 abitanti, distribuiti su 124 comuni, insistenti su 5.495 km/q, pari alla regione Liguria, capace di generare un Pil annuo pari a 24.317 milioni di euro il che equivale a dire una produzione superiore a quella della regione Umbria (21.623) quasi pari a quella della regione Abruzzo (28.371); quasi quattro volte superiore a quella della regione Basilicata (6.479). Leciti pertanto appaiono i motivi di preoccupazione per l’assetto della nostra Regione e contenute nella manovra di riordino della quale il Ministro va fiero, ma che si rivela anche aggi, al varo del decreto che ne detterà i tempi, decisamente idonea a ridisegnare un assetto istituzionale capace di raccogliere le istanze del territorio e dare la giusta opportunità di crescita tanto alla Capitale, quanto alle realtà provinciali da rivisitarsi certamente in ragione del perseguimento di una maggiore razionalizzazione di spesa e competenze, ma guardando alla capacità di rispondere in modo organico alla loro rappresentatività territoriale e peculiarità storica, coniugando sviluppo sostenibile e sintesi territoriale. Il rigore, il contenimento delle spese, la razionalizzazione delle risorse sono i “temi dell’emergenza” che non può annichilire la portata del dibattito politico su riforme istituzionali serie e necessarie ad invertire la rotta. Serve una nuova fase istituzionale che rafforzi identità ed unità, consolidandone i punti di forza anche attraverso la distribuzione dei poteri in una nuova articolazione territoriale ed istituzionale in modo da rendere più efficiente ed efficace l’azione amministrativa dei livelli istituzionali e sostenere al meglio i processi di rientro da una crisi che si paventa all’orizzonte inarrestabile. Il Ministro ha svolto i “compiti a casa”, cancellando le Giunte, fissando termini di scadenza come fossimo prodotti deperibili ancora una volta abdicando al delicato ruolo affidatogli: servire il Paese. Quanto mai inopportuno compiacersi di questo risultato!


Armando Cusani

Nessun commento:

Posta un commento