Follow by Email

mercoledì 31 luglio 2013

SANTI COSMA E DAMIANO:Emanata l'ordinanza per la prevenzione degli incendi e degli allagamenti! MA PERCHè VIENE PUBBLICIZZATA SOLO ADESSO, DOPO CHE è STATA EMANATA IL 31 MAGGIO 2013?








Santi Cosma e Damiano: Emanata l'ordinanza al fine della prevenzione degli incendi e di allagamenti. Ad emetterla il Sindaco di Santi Cosma e Damiano, dott. Vincenzo Di Siena che nell'apposito atto ha stabilito di fare obbligo a tutti i cittadini di provvedere alla pulizia e manutenzione di fronti stradali, fossi, cunette, cigli stradali e marciapiedi che insistano su aree di proprietà privata al fine oltre che come detto di prevenire incendi ed allagamenti, anche di garantire la salvaguardia dell'igiene, della sicurezza stradale. A ciò va aggiunto che fino al 30 settembre è fatto divieto assoluto, in prossimità di boschi, terreni agricoli o cespugliati, nonché lungo le strade comunali e provinciali che ricadono sul territorio comunale, di accendere fuochi, usare apparecchi a fiamma o elettrici che producono faville, fumare o compiere qualunque altro atto che possa generare fiamma libera diventano così un pericolo per le cose circostanti. Per coloro che risulteranno inadempienti a queste disposizioni è contemplata un'ammenda da € 25,00 ad € 500,00 che potrà essere comminata dagli organi preposti a rilevare l'osservanza dell'ordinanza stessa! "In questo modo" ha dichiarato il Sindaco Vincenzo Di Siena "abbiamo integrato tutte le azioni di prevenzione poste in essere negli anni precedenti, grazie alla collaborazione della Protezione Civile, dei Vigli del Fuoco e delle Associazioni ambientaliste, la cui opera pur svolta sempre in maniera encomiabile, non risulta sufficiente a prevenire questi fenomeni, senza la collaborazione dei cittadini"! Il senso di questa ordinanza, vuole essere proprio quello di sollecitare i cittadini, per quanto di loro competenza, a collaborare nel favorire il rispetto della natura e dell'habitat in cui viviamo per il quale risulta essenziale l'opera di ciascuno. E ciò proprio per evirare disastri ambientali come gli incendi che abbiamo patite un
paio di anni fa e che hanno distrutto interi ettari delle nostre montagne che rappresentano un corollario invidiabile al nostro territorio e che spetta a tutti preservare per il bene della collettività ma soprattutto delle future generazioni.

Santi Cosma e Damiano, lì 28 luglio 2013.

L'Addetto stampa

Nessun commento:

Posta un commento