Follow by Email

venerdì 5 luglio 2013

ACQUALATINA: LA POLEMICA PASSA NEL CAMPO POLITICO, AD INSORGERE SONO IL PD E I SUOI GRUPPI GIOVANILI






Ancora problemi di
carattere idrico
nell'estremo sud
pontino, dove sono «insorti» il Pd di Castelforte e i giovani democratici di Castelforte e Santi
Cosma e Damiano. Con
una nota inviata al consiglio di amministrazione dell'ente idrico, gli
esponenti del Pd segnalano il fatto che interi
quartieri dispongono di
acqua a bassa pressione,
torbida e spesso e volentieri totalmente assente.
«Problema -scrivononon nuovo per il nostro
territorio, che già la
scorsa estate si è trovato
per intere settimane a far
fronte ad incresciosi disservizi idrici. Il nostro è
un Comune dove sono
presenti delle bellissime
sorgenti termali ed è
quasi un paradosso
quello che siamo costretti a vivere. In estate
gli stabilimenti e gli alberghi si popolano di
turisti e non vorremmo
anche quest'anno fare
una magra figura. Cari
amministratori di Acqualatina, in questi anni,
per i cittadini ci sono
stati solo servizi scadenti e aumento delle tasse,
cosa che avete potuto
fare anche grazie alla
supina posizione della
nostra Amministrazione. Intere zone del nostro territorio aspettano
investimenti da anni, la
manutenzione non c’è
stata, ci sono perdite in
tutto il tessuto idrico del
nostro Comune. La situazione è diventata insopportabile per i cittadini, costretti ogni giorno ad avere un servizio
scadente per cui ogni
anno pagano sempre di
più.
Pensiamo che sia arrivato
momento di risolvere questa situazione efficacemente e definitivamente». Il Pd
annuncia clamorose iniziative, nel caso non si risolverà la situazione, ma attacca senza mezzi termini
la maggioranza di Castelforte «che sembra interessata a ritrovare un nuovo
equilibrio al suo interno,
con il sindaco assente e un
paese che sta vivendo una
situazione drammatica.
Anche i sassi -continua la
nota- sapevano che questa
situazione sarebbe potuta
ricapitare di nuovo, ma
adesso è il momento che la
cittadinanza sia rispettata e
non calpestata nei suoi diritti e nella sua dignità,
come fatto fino a questo
momento da Acqualatina.
Abbiamo deciso di inviare
una lettera alla società, di
farci sentire, di essere quello che non è l’Amministra -
zione in questo momento:
il megafono del malessere
delle persone per una situazione gravissima e deprimente che si ripete».

Da LATINA OGGI DEL 5.7.13

Nessun commento:

Posta un commento