Follow by Email

domenica 16 giugno 2013

L'INCIDENTE DI PORTO GALEO: L'IMPATTO è STATO VIOLENTISSIMO!








UN impatto violentissimo alle
prime luci dell'alba, con due mezzi danneggiati e il corpo di un
uomo disteso sul lato della strada.
Questo l'agghiacciante scenario
che si sono trovati davanti i primi
soccorritori, dopo l'incidente stradale verificatosi in via Porto Galeo, a Santi Cosma e Damiano,
all'altezza del civico 1815. A perdere la vita è stato Domenico
Fiorino, un 61enne
fabbro in pensione di
Santi Cosma e Damiano, che qualche
minuto prima era
uscito dalla sua abitazione (distante duecento metri circa dal
luogo del sinistro) per
recarsi a lavorare in
un appezzamento di
terreno situato nella
zona nord del casertano. L'uomo era alla
guida del suo piccolo
trattore, quando nella
stessa direzione di
marcia giungeva un
Lancia Lybra 1900
JTD, condotta dal
25enne Ionu Brailescu, romeno domiciliato a Itri, che tamponava violentemente il
mezzo agricolo. In seguito all'urto
il Fiorino veniva sbalzato in aria e
ricadeva pesantemente sull'asfalto, proprio vicino al muro di recinzione del noto bar Pit Stop. La
morte è stata istantanea, mentre
rimaneva illeso lo straniero, la cui
auto terminava la sua cosa su una
macchinetta distributrice di sigarette. L'urto è stato talmente violento che i due mezzi, dopo una
carambola, si sono ritrovati con la
parte anteriore rivolta nella direzione opposta rispetto al quella
che era l'originale senso di marcia.
Erano circa le sei di mattina e la
zona, a quell'ora, era poco frequentata. Sul posto giungevano i
carabinieri del Norm di Formia e
della stazione di Santi Cosma e
Damiano, che avviavano gli accertamenti del caso. Probabilmente il romeno non si è accorto
della presenza del veicolo agricolo sulla strada, ma i militari stanno
valutando anche l'ipotesi dell'alta
velocità, visto che su via Porto
Galeo non si può procedere più di
sessanta all'ora. Importante potrebbe rivelarsi l'autovelox posto
qualche centinaio di metri prima
dell'incidente. Il conducente della
Lybra, sottoposto al test antialcool
e antidroga, è risultato negativo,
ma per lui si profila l'accusa di
omicidio colposo. La salma della
vittima è stata poi rimossa dall'agenzia funebre Circio ed è stata
trasportata presso l'obitorio del
cimitero di Formia, a disposizione
dell'autorità giudiziaria. Domenico Fiorino è stato un apprezzato
fabbro, sposato e con una figlia.
Ieri sono stati in tanti, tra parenti
e amici, che si sono recati nella
sua casa, per cercare di dare conforto alla moglie e alla figlia. La
sua scomparsa ha destato profonda commozione in tutta la comunità di Santi Cosma e Damiano e
Castelforte, che apprezzava e stimava il pensionato, il quale ha
perso la vita a pochissima distanza dalla sua abitazione, dalla quale anche ieri mattina era uscito di
buona ora per andare a coltivare la

sua terra.
DA LATINA OGGI DEL 16.6.13

Nessun commento:

Posta un commento