Follow by Email

sabato 24 agosto 2013

LE MANI DELLA CAMORRA SUL TERRITORIO PONTINO:IL BASSO LAZIO ERA PROVINCIA DI "CASALE"!






Torna a ribadire quello che aveva già detto diversi anni fa, il pentito dei Casalesi Carmine Schiavone, in merito ai rifiuti tossici sotterrati a Latina: “Anche lì moriranno di cancro”, ha detto il pentito a Sky tg24. “Montello era luogo di scarico di rifiuti tossici e nucleari da parte del clan dei casalesi. I fusti sono finiti in profondità come avveniva in provincia di Caserta”.
“Le società del nord – specifica Schiavone – e d’Europa venivano a buttare i rifiuti, farmaceutici, chimici, nucleari che venivano sotterrati in provincia di Latina e in Campania. Il basso Lazio era provincia “di Casale”, avevamo rifugi e appoggi: era terra nostra”.

Nessun commento:

Posta un commento