Follow by Email

lunedì 19 agosto 2013

IL RILANCIO DELL'EX MANULI-EVOTAPE: INCONTRO IN REGIONE




Rilanciare lo stabilimento della ex Manuli di
Santi Cosma e Damiano, puntando allo sviluppo e possibilità di diversificazione produttiva. Questi sono stati i punti al centro di un
vertice svoltosi presso la Regione Lazio tra funzionari della Pisana e una delegazione della Mancoop,
l'azienda di Santi Cosma e Damiano diventata celebre per l'iniziativa di una parte dei suoi operai che,
nonostante il fallimento della ex Manuli-Evotape, si
sono rimboccati le maniche ed hanno costituito una
cooperativa facendo ripartire le macchine. L'incontro si è svolto a Roma tra Paolo Orneli, responsabile
alle attività produttive e allo sviluppo economico e
una delegazione della Mancoop costituita dai soci
Alessandro Parrella e Giovanni Rasile, accompagnati dal consigliere comunale Giancarlo Cardillo,
dal segretario generale Cgil Roma e Lazio, Ilvo
Sorrentino e Luca Bonetto, della segreteria provinciale Filctem Latina. L’incontro è stato di carattere
interlocutorio e si è svolto con la massima attenzione
e disponibilità dei funzionari regionali sulle possibilità di sviluppo delle attività e diversificazioni produttive della cooperativa. L’attenzione della Regione nel sostenere la Mancoop è dovuta anche alla
possibilità di utilizzare l’esperienza positiva maturata dalla cooperativa, per altre realtà in crisi che
diventano sempre più numerose. In pratica il percorso dei soci della cooperativa sancosimese può fare da
traino per altre imprese in crisi. Al termine del
summit è stato deciso che sarà istituito un tavolo
tecnico, col coinvolgimento di tutte le figure competenti per l’individuazione di strumenti sia della
Regione che della Comunità Europea per rilanciare
lo stabilimento di SS. Cosma e Damiano attraverso
la Mancoop, che continua il suo progetto di impresa,
sempre diretto a consolidare e favorire l’occupazio -
ne dei soci lavoratori e successivamente di assorbire
nuove forze lavorative. Presso lo stabilimento della
Mancoop, nei mesi scorsi, è giunta anche l’assessore
regionale alle attività produttive, Lucia Valente, la
quale aveva rimarcato il grande sforzo compiuto
dagli operai, che invece di rassegnarsi all’assisten -
zialismo, hanno deciso di continuare l’attività, affrontando non poche difficoltà, in considerazione del
fatto che la stessa fabbrica di via Porto Galeo era
sotto controllo del giudice fallimentare. E invece le
macchine, dopo circa due anni di stop, sono ripartite
ed ora la stessa cooperativa si sta adoperando per
cercare di ampliare e sviluppare la produzione di
nastri isolanti. La ex Manuli per anni è stata il fiore
all’occhiello del panorama industriale del sud pontino, che sta vivendo un momento di grande difficoltà,
con aziende chiuse e in crisi. Quanto fatto dagli
operai della cooperativa Mancoop dimostra come sia
ancora possibile rialzarsi e riprendere la produzione.

DA LATINA OGGI DEL 17.8.13

Nessun commento:

Posta un commento