Follow by Email

mercoledì 12 ottobre 2011

RISCHIO DI DISSESTO IDROGEOLOGICO: ad essere interessata è l'intera collina che sovrasta Santi Cosma e Damiano

DISSESTO idrogeologico sulla strada provinciale che collega Santi Cosma e Damiano e Coreno Ausonio. Una questione di estrema pericolosità che rischia
di aggravarsi con le prossime precipitazioni, ma per la quale non è stato ancora deciso come intervenire e soprattutto chi deve finanziare dei lavori di contenimento che non sono più rinviabili.


E a quanto pare fondi a disposizione non ce ne sono per poter dare il via ad un intervento che è necessario, soprattutto se si considerano i danni provocatidai precedenti smottamenti, che hanno causato anche l'evacuazione
di un'abitazione. La direzione regionale della protezione civile, in una nota di alcuni giorni fa inviata alle varie autorità, ha ricordato che il sindaco è autorità di protezione civile e deve porre in essere tutte le
possibili iniziative necessarie per ridurre il rischio per l'incolumità
pubblica e privata. la protezione civile di Latina, dal canto, suo ha invitato gli enti interessati ad avviare tutte le opere di prevenzione e messa in sicurezza. Il sindaco di santi Cosma e Damiano, Vincenzo Di Siena, in una nota precedente aveva rimarcato i provvedimenti urgenti adottati e l'adozione di indagini idrogeologiche, tanto che nei giorni scorsi è stato affidato l'incarico al geologo Gaspare Ruggiero.
Lo stesso primo cittadino, in una nota di inizio settembre ha diffidato gli enti competenti ad attivarsi urgentemente per l'esecuzione dei lavori di messa in sicurezza, ricordando che la portata dei lavori non può pesare
sulle casse del Comune, che, comunque, ha adottato tutti i provvedimenti necessari. Resta il fatto che la situazione è di pericolo e dopo questi scambi epistolari, sarebbe il caso che si intervenga e pure subito, per evitare problemi futuri. Del resto la pericolosità della zona è visibile
con fratture sulla strada e spostamenti franosi.
Gianni Ciufo


da latina oggi del 12.10.11

Nessun commento:

Posta un commento