Follow by Email

sabato 9 marzo 2013

CHIESA DI CAMPOMAGGIORE: IL PROSSIMO UNDICI MARZO INIZIERANNO I LAVORI!






ORMAI è «scontro aperto» a
Santi Cosma e Damiano per la
questione della chiesa di Sant'Antonio di Campomaggiore,
che, come è noto, dovrebbe essere abbattuta e ricostruita. Ieri,
proprio mentre l'avvocato Cosmo Damiano Pontecorvo consegnava ai carabinieri di Santi
Cosma e Damiano l'esposto denuncia contro la demolizione
del luogo di culto, il parroco,
padre Giuseppe D'Agostino, annunciava ufficialmente, con
grande entusiasmo, che l'abbattimento della chiesa inizierà l'11
marzo prossimo. «Un entusiasmo -ha affermato il sacerdote
in una lettera aperta - che si
fonda sull’ormai certezza di poter assicurare alla Comunità di
Santi Cosma e Damiano il nuovo edificio di culto. Voi tutti,
miei cari lettori, avrete certamente capito che il mio atteggiamento di prudenza nel comunicarvi apertamente l’andamen -
to dell’iter amministrativo della
nuova chiesa, è stato dovuto soprattutto al rispetto che porto
verso ognuno di voi e alla volontà di non voler alimentare inutili
polemiche, che avevano lo scopo di gettare ombra sulla reale
dinamica delle procedure. Non
ho voluto trasmettere informazioni, fin quando il Signore ha
illuminato definitivamente il faticoso percorso, intrapreso ormai da qualche anno. Con dolore, per primo, ho dovuto prendere atto che era necessario
l'abbattimento del vecchio edificio, che è costato sacrifici a tutta
la comunità e a quanti nostri
concittadini risiedono all'estero,
ma non essendoci alternative ho
deciso di guardare avanti con
serenità. Quindi -ha continuato
il sacerdote- eccomi a voi, per
parlarvi apertamente, per assicurare l’imminente apertura del
primo cantiere della chiesa, a
sancire definitivamente l’av v i o
delle operazioni tangibili che
presto consegneranno al territorio un edificio nuovo, accogliente, pensato perché la comunità sia parte attiva delle celebrazioni pastorali. Il prossimo
11 marzo inizieranno i lavori di
demolizione dell’attuale chiesa,
possibili grazie al finanziamento della Provincia di Latina e
a ll ’ordinanza del sindaco di
Santi Cosma e Damiano di interdizione del vecchio e instabile edificio. Desidero ringraziare
tutti -ha concluso padre Giuseppe- per la pazienza e l’a ff e t t o
che mi avete dimostrato e desidero assicurarvi che mai un solo
istante distrarrò la mia attenzione dall’obiettivo di consegnarvi
il migliore dei risultati». Invece
l'avvocato Pontecorvo, con la
denuncia presentata ieri, punta a
far bloccare le operazioni di demolizione dell'immobile. Due
posizioni nettamente contrastanti, finite ora all'attenzione
dell'autorità giudiziaria.
DA LATINA OGGI DEL 9.3.13

Nessun commento:

Posta un commento