Follow by Email

giovedì 2 maggio 2013

CASTELFORTE: L'AMMINISTRAZIONE NELL'IMMOBILISMO, LE CRITICHE DI CIORRA E CARDILLO.







«L'AMMINISTRAZIONE di Castelforte, dilaniata dai suoi contrasti interni, è immobile». Duro il giudizio dei
consiglieri di opposizione Paolo Ciorra
e Giancarlo Cardillo, che
in vista dell'approvazione del bilancio consuntivo, esprimono le loro
perplessità e i loro dubbi
circa la regolarità contabile. «Questa maggioranza -hanno affermato
Cardillo e Ciorra- è divisa su tutto e a causa di ciò
il paese è senza una vera
guida che dia risposte alle esigenze e alle domande dei cittadini
sempre più disattese e ignorate a cominciare da quelle più semplici ed
elementari quali la pulizia del paese
che è in uno stato di completo abbandono. Abbiamo presentato interrogazioni vere e le risposte non hanno
tenuto conto delle nostre indicazioni
intrinseche nelle interrogazioni stesse. Adesso è
in arrivo anche l'estate e
noi proprio per dare risposte al mondo del volontariato e anche ai
commercianti, abbiamo
già dato la nostra disponibilità per provare a dare una mano a queste
categorie già molto provate dalla crisi economica molto forte nel nostro paese». I due
consiglieri, in attesa della convocazione della commissione preposta, hanno
suggerito la revisione e la modifica
delle tasse dovute per diritti di istruttoria e della Tosap. «E' l'unico modo -
hanno continuato- per cercare di dare
una mano a queste categorie, le quali,
per esempio, nel chiedere di essere
autorizzate a mettere i tavolini fuori
nelle piazze attigue, a parer nostro
offrono un servizio all'immagine del
paese, abbellendolo e facendo da attrattori per turisti. Quando sono state messe queste tasse Castelforte si trovava a
vivere in un contesto economico e
sociale diverso da quello attuale, e,
un'Amministrazione deve saper individuare dove reperire queste mancate
entrate nelle pieghe del bilancio Questo
impegno ci deve accomunare e noi -
hanno concluso Ciorra e Cardillo- siamo pronti a fare la nostra parte»
da LATINA OGGI DEL 1.5.13

Nessun commento:

Posta un commento