Follow by Email

martedì 2 ottobre 2012

SCANDALO REGIONE LAZIO: DUE PONTINI APPRODANO IN PRIMA SERATA SU REPORT DI RAITRE







UNA puntata, la prima della nuova stagione di Report, dedicata
agli scandali
che stanno
c oi nvol ge nd o
la politica italiana in queste settimane.
E ovviamente
non poteva
mancare una
p a r e   n t e s i
pontina. Una
parentesi ampia e bipartisan.
La trasmissione ha preso le mosse
dalla legge
a nt i co rr u zi one in discussione in Parlamento. Attualmente, tra
indagati e
c o nd a n n at i ,
negli enti locali, ce ne sono ben 400.
Nel Lazio, per la provincia di
Latina in particolare, la trasmissione Report ha puntato l’atten -
zione su Romolo Del Balzo e
Eligio Tombolillo. Il caso Del
Balzo è certamente il più noto. Il
consigliere regionale, poche settimane dopo essere entrato in
Consiglio regionale per surrogare Claudio Fazzone, viene arrestato per un provvedimento inerente la gestione dei rifiuti nel
Comune di Minturno, risalente a
quando era presidente del Consiglio comunale del paese pontino.
Del Balzo è accusato di truffa e
frode in appalto pubblico. Appena viene scarcerato si dimette
dalla Commissione Lavori Pubblici di cui era presidente e viene
nominato Presidente della Commissione per le Olimpiadi di Roma 2020 che saltano perché
Monti è contrario. Ma ce n’è già
un’altra pronta. A giugno gli
danno la commissione scuola.
«Scuola, diritto allo studio, università e formazione», precisa
Del Balzo ai microfoni di Report.
Ma lei è medico, cosa c’entra con
la scuola? Del Balzo ha la risposta pronta: «Il politico deve essere competente su tutto se no non
può fare il politico. un tutto fare,
il politico primo di tutto deve
dare risposte ai cittadini, allora fa
il Presidente della Scuola, Presidente Lavori Pubblici». Un altro
consigliere regionale, Melpignano della lista Polverini, spiega il
segreto di Pulcinella: «Del Balzo
è stato indicato per quel ruolo,
quella presidenza, dal Pdl. Funziona così».
Le telecamere passano poi in
casa Pd, precisamente a Pontinia,
dal sindaco Eligio Tombolillo.
Ex Pci, è al quarto mandato da
sindaco del comune di Pontinia.
Lo scorso anno insieme alla
Giunta è stato condannato in
appello dalla Corte dei Conti per
la gestione della Trasco, una partecipata del Comune che si occupa un po' di tutto: dai rifiuti, al
trasporto scolastico. Tombolillo
ha sborsato 200 mila euro di
multa di tasca propria e resta al
suo posto perché per i reati contabili non è prevista nessuna sospensione o decadenza dalla carica, né dalla legge e tantomeno
dal codice etico del Partito Democratico. Interrogato sulla vicenda per cui è stato condannato,
Tombolillo risponde a tono:
«Penso che per un sindaco sia
una cosa nobile stabilizzare dei
lavoratori, quando non stabilizza
fratelli, quando non stabilizza
amanti». Tombolillo è stato condannato definitivamente, ma ha
annunciato istanza di revoca e
ricorso a Strasburgo. Alla domanda se ritiene opportuno continuare a guidare il Comune,
Tombolillo risponde senza dubbio alcuno: «Certo, perché ho
amministrato bene». A dargli
manforte, il segretario provinciale del Pd Enrico Forte: «Il partito
ha la responsabilità nei confronti
di Tombolillo lo sostiene e ritiene
che Tombolillo debba restare a
fare il sindaco di Pontinia». Di
più, Eligio Tombolillo è considerato uno dei possibili candidati
dei democratici alle prossime regionali.
DA LATINA OGGI DEL 2.10.12

Nessun commento:

Posta un commento